idahotimmagine-2~s400x400

IDAHOT 2017 a Torino

IDAHOT 2017 GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L’OMOFOBIA, LA TRANSFOBIA E LA BIFOBIA 2017 La Città di Torino, con la collaborazione della Città Metropolitana di Torino, del […]

Tesseramento 2017: Per continuare a guardare oltre il nostro ombelico

Per continuare a guardare oltre il nostro ombelico. Questo é l’auspicio con cui apriamo la campagna di tesseramento Maurice glbtq 2017. Per continuare a guardare […]

luki

In memoria di Luki Massa

Car@, due notti fa  Luki Massa se n’è andata. Vogliamo ricordarti così, cara Luki, sorridente guerriera al Torino Pride del 2006. E vogliamo ringraziarti per […]

03soc1-circolo-glbt-gay-manif-nbq-foto-festa27

Maurice ha 30 anni. E ancora non si accontenta

Torino. I «rompiscatole» dello storico circolo lgbt italiano si raccontano. «La battaglia per i diritti di coppie e famiglie va legata a quella contro lo […]

mumble

Partecipa al confronto! Famiglie, figli, diritti e comunità GLBTQ

All’indomani dell’approvazione al Senato del DDL Cirinnà e delle mobilitazioni nelle piazze, Margherita Giacobino ha pubblicato una riflessione sul numero di marzo di Aspirina, intitolata […]

Piemonte Pride 2017 a Torino e Alba

18274866_1491482680883372_8604249341792964460_n

A corpo libero, come una danza, un esercizio o una nuotata. Il visual e il claim del Piemonte PRIDE LGBTQI 2017  creano una specie di cortocircuito. La liberazione del corpo e la liberazione delle menti, hanno non solo il fattore comune di un atto di liberazione appunto, ma sono strettamente legate in un sistema di conseguenze: da una possiamo passare nell’altra, una la conseguenza dell’altra, sia che si proceda in un senso, sia nell’altro. Liberare i nostri corpi SIGNIFICA, nei fatti, liberare la mente da costrizioni, pregiudizi e mancate autonomie. Significa in buona sostanza affermare noi stessi/e come persone, come insieme di relazioni complesse ma in grado di rivendicare autodeterminazione. Liberare i corpi, tutti i corpi, significa sottrarli alla logica commerciale indotta da altri, significa partire dalla mente libera per sciogliere le catene che anche la comunità LGBTQI spesso costruisce attorno ai corpi: il superamento dello stereotipo del corpo atletico, giovane e prestante che, nei fatti, rende marginale o invisibile chi non corrisponda a questi criteri. Il corpo e la mente, nelle nostre battaglie, devono riacquistare la propria REALTA’; liberare la mente perché si liberi essa stessa dagli elementi di esclusione al nostro interno che si sovrappongono ai forti elementi di discriminazione che la società ancora tollera o, addirittura, esaspera. Se sappiamo liberare, alzare la mente, cambiare dall’alto le prospettive e guardare oltre i muri che sempre più spesso si alzano nel mondo, sapremo anche includere il corpo disabile che altrimenti non risponde ai criteri utilitaristici dominanti, includere il corpo intersex e quello transessuale che non sono corpi difettosi, da correggere.

Esistono corpi da liberare, come le nostre menti. E un atto politico rivendicare il diritto di esistere e di mostrarsi esattamente come si è. Liberare la mente è un atto politico, liberare i corpi è un atto politico. Questo è l’inizio antico di una piccola rivoluzione.

Documento Politico Definitivo 2017

IDAHOT 2017 a Torino

idahotimmagine-2~s400x400IDAHOT 2017
GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L’OMOFOBIA, LA TRANSFOBIA E LA BIFOBIA 2017

La Città di Torino, con la collaborazione della Città Metropolitana di Torino, del Coordinamento Torino Pride, degli Enti e delle Associazioni del territorio promuove un ricco programma di eventi per celebrare il 17 maggio, la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la transfobia e la bifobia.
Sulle pagine del Servizio LGBT, maggiori info e il Calendario delle iniziative:

 

AAA cercasi articoli per pesca di autofinanziamento Maurice!

moseHai a casa delle cose che non ti servono? Hai la cantina piena di memorabilia? Te ne vuoi liberare servendo una causa giusta?
Metti tutto in una scatola e portale al Maurice, ci serviranno per la pesca di autofinanziamento che si terrà sabato 1 luglio in occasione della festa d’estate: il ricavato servirà a sostenere  le attività dell’associazione.

Per le eventuali consegne la sede  è aperta tutti i pomeriggi, meglio però contattare prima la segreteria.
Grazie.

info e contatti: segreteria@mauriceglbt.org
0115211116
3357167890

Ultimo appuntamento del Cinefrocium 2017 al Maurice

toomuchpussyEcco arrivato anche Aprile e con lui l’ultimo appuntamento di questa stagione cineFrociograFica (attenzione però, c’è la possibilità di sporadiche quanto queerose Troiezioni estive…stay tuned). (Soc) chiudiamo il Cinefrocium, domenica 9 aprile 2017, ore 21.30, c/o Maurice glbtq, Via Stampatori, 10 – Torino

con Too Much Pussy!
documentario franco-tedesco, anno 2010, diretto da Emilie Jouvet. 98 minuti, che vedono protagoniste 7 performers impegnate in un tour su 4 ruote in giro per l’Europa, da Berlino a Malmö.
I contenuti di questo road movie sono muy interessanti (tanto che il film è VM18; se ne avete, tenete i minori a casa): le artiste, durante il loro “Queer X Show”, mettono in scena uno spettacolo che unisce scrittura, musica, attualità e sesso dal vivo, coinvolgendo anche il pubblico… non mancano le riflessioni artistiche e politiche che completano questo accattivante manifesto politico femminista e sex-positive.

Il film sarà in lingua originale con sottotitoli in italiano

FREE HUGS! FREE ENTRY! FREE POPCORN!
BUONA VISIONE!
https://www.youtube.com/watch?v=nnXls9u7d2E

Presentazione de “Il prezzo del sogno” di Margherita Giacobino

PATMartedì 14 febbraio 2017, ore 20,30
Maurice glbtq, Via Stamapatori, 10- Torino
l’AltraMartedì presenta:

l’atteso, bellissimo, fresco di stampa, ultimo libro di Margherita Giacobino, “Il prezzo del sogno”, ispirato alla vita, agli amori, alle storie scritte e vissute da Patricia Highsmith, scrittrice poliedrica e donna dalla personalità fortissima.

“Il suo mestiere era scrivere. Socchiudere le porte del sogno e raccoglierne le voci. Ma scrivere, quest’ansia continua che è la sola medicina a se stessa, è una perenne fuga in avanti, verso il limite e oltre il limite.” “Uccidere è come fare l’amore”.
Trascorreremo felicemente il più antiromantico San Valentino, in compagnia di Margherita Giacobino e dalla sua terribile, amata Pat. In loro onore circoleranno super alcolici e snack rigorosamente poco salutari!

Dalla quarta di copertina:
Pat ha 25 anni, è insicura e spavalda, e solca a grandi passi le strade pulsanti di NewYork, il cuore che batte per Carol. Carol è a New York e New York ha un senso solo perché esiste intorno a Carol – la bella, temeraria e fragile Carol.
Nell’America degli anni Quaranta, Pat è una fuorilegge: ambiziosa e ferocemente indipendente, ama le donne e non intende nascondersi dietro un matrimonio di facciata. Pat è Patricia Highsmith, scappata dal Texas e da una madre dispotica ed egoista per inseguire il sogno di diventare scrittrice: nei salotti intellettuali si sente goffa ed inadeguata, ma ha una intelligenza ed una sensibilità uniche ed un talento eccezionale. La vita e la scrittura – che è gioia pura fa correre scintille nelle vene – si compenetrano e si nutrono l’una dell’altra, senza che la fame sia mai appagata.
È il prezzo del sogno: l’ansia, la fatica,l’insoddisfazione. Pat è divorata dall’inquietudine, insofferente all’ipocrisia dell’American dream, lascia l’America per l’Europa, cambia case, editori, Paesi, amori, scrive romanzi e racconti che avvincono e turbano i lettori di tutto il mondo. Scrivere è il suo modo di vivere tante vite, di essere tante persone diverse. Di cercare di raggiungere l’irraggiungibile.

Con una scrittura straordinaria, carezzevole ed aspra, ironica ed accorata, capace di vibrare in risonanza con le corde più profonde dell’animo umano, Margherita Giacobino ripercorre le appassionanti vicissitudini di Patricia Highsmith, una delle più pungenti ed interessanti scrittrici contemporanee, i cui romanzi hanno ispirato registi come Alfred Hitchcook, Wim Wenders e Tod Haynes. Ma soprattutto Giacobino ci consegna la storia di una donna dalla personalità fortissima, sincera fino a farsi male, che non ha mai ceduto alle pressioni della cosiddetta normalità e non ha mai tradito se stessa.

Margherita Giacobino, Il prezzo del sogno, Mondadori, 2017

serata aperta a tutt*!

Primo incontro seminario antispecismo queer

antispecismo.squeertoPrimo incontro del seminario autogestito antispecismo queer.
L’incontro, organizzato dall’assemblea AhSqueerto, assemblea torinese queer, è anche indirizzato a mettere le basi per un gruppo di lettura sulla scia di quelli organizzati dal Centro Documentazione del Maurice.
Martedì 24 gennaio 2017,
dalle 19.00 alle 22.00
con Aperitivo Bellavita!

Maurice glbtq, Via Stampatori, 10- Torino
Nel corso di questo primo appuntamento verranno mostrati alcuni filmati per introdurre la critica al sistema di dominio che assoggetta i corpi animali, umani e non umani, e a partire dalla lettura di alcuni estratti dal libro di Jacques Derrida “L’animale che dunque sono” e dalla rivista di critica antispecista “Liberazioni” si darà ampio spazio alla discussione collettiva.

Presentazione di “Love is a human right”

16266130_1233284116740737_3321941174900272494_n

Venerdì 10 febbraio 2017 alle 21.00
Libreria Trebisonda, Via Sant’Anselmo, 22- Torino
Carlo Scovino presenta “Love is a human right. Omosessualità e diritti umani” (Rogas edizioni).
Interviene Antonio Soggia, del direttivo Maurice glbtq.

Dedicato dall’autore a tutte le persone che in molte parti del mondo ancora sono perseguitate solo perché rivendicano il loro diritto di amare, il libro affronta il tema delle violazioni dei diritti umani collegate all’identità di genere e all’orientamento sessuale. Dal filone storico sociale, a quello giuridico internazionale, al racconto di casi emblematici, preziosa è l’occasione che ci viene offerta di ampliare la nostra conoscenza di una realtà spesso ancora drammatica.

Dai mancati riconoscimenti legislativi fino alle condanne, alle persecuzioni e alle torture, l’omosessualità e l’identità di genere rappresentano purtroppo campi molto “fecondi” per la violazione dei diritti umani più elementari. Questo libro, dopo un’ampia premessa sulla storia sociale dell’omosessualità e sul suo rapporto con le religioni, con la scienza e con la medicina, da un lato offre una approfondita panoramica sui principali trattati internazionali che tutelano l’identità di genere, e dall’altro racconta, attingendo alle ricche documentazioni di Amnesty International, dei casi emblematici di violenze e soprusi che ci ricordano che, nonostante i progressi e gli avanzamenti, la strada da percorrere è ancora molto lunga e piena di difficoltà.

Carlo Scovino vive a lavora a Milano in qualità di Educatore Professionale presso il Centro Psico Sociale di zona 4 dell’Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico. E’ Co-Responsabile delle Attività di Riabilitazione dell’Unità Operativa di Psichiatria n. 55 della stessa Azienda. E’ laureato in Scienze della Formazione e svolge da molti anni un’intensa attività di formazione e sensibilizzazione sul tema dell’intervento educativo in psichiatria presso Scuole Medie Superiori, Università, all’estero (in Iraq per conto dell’UNICEF), associazioni del privato sociale e del no-profit. Sempre su questo tema ha pubblicato numerosi articoli e ha partecipato a convegni e seminari. Lavora in ambito sociale da oltre 30 anni.

Tesseramento 2017: Per continuare a guardare oltre il nostro ombelico


Locandina-A3-tesseramento-2017Per continuare a guardare oltre il nostro ombelico.

Questo é l’auspicio con cui apriamo la campagna di tesseramento Maurice glbtq 2017.
Per continuare a guardare oltre il nostro ombelico. Lo puoi fare da amic@, complice o amante: sostieni il Maurice GLBTQ a partire da 15 euro, quota comprensiva della tessera ARCI, valida in tutto il circuito nazionale.

Per continuare a guardare oltre il nostro ombelico.

L’immagine della campagna, realizzata da Gianni Zardini, richiama le lotte che rappresentano il DNA del Maurice GLBTQ. Il tesseramento é un momento importante per la vita dell’associazione, per finanziarne i progetti e sentirci parte di un progetto collettivo.

La tessera ti darà la possibilità di partecipare alle attività del Maurice GLBTQ e di usufruire delle convenzioni riservate a soci e socie (vedi Convenzioni).

N.B.: quest’anno l’ARCI ha modificato le modalità del tesseramento che avrà validità dal 1 Ottobre (2016) al 30 settembre 2017.

P.S. Le foto riportate in questa campagna di tesseramento sono prese dalla rete, nel loro uso non c’è nessuna volontà di appropriazione.